The New Pope, di Paolo Sorrentino

Il Cardinale Angelo Voiello, interpretato da Silvio Orlando, in una scena della serie ambientata nella Cappella Sistina.
The New Pope, di Paolo Sorrenti
no (Sky Atlantic, 2020). Foto da archivio online Sky.

Sontuoso, sfacciato, geniale.

E, aggiungerei, inequivocabilmente napoletano. Sì, perché nel modo irriverente di unire denuncia e ironia, nella capacità di mettere insieme sacro e profano, corpo e spirito, alto e basso, e farli convivere senza sforzo, nella volontà di raccontare le più profonde debolezze umane senza condannare ma nemmeno assolvere, nei riferimenti alla sua città, ora colti ora popolari, c’è l’inconfondibile DNA partenopeo del regista.

Sorrentino svela l’innominabile con sorprendente leggerezza che non è mai banalità o superficialità e, con cura maniacale, costruisce un racconto di molti vizi e pochissime virtù sullo sfondo di una fastosa, umanissima Città del Vaticano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.