Terra mia, di Emanuele Scuotto (1)

Terra mia di Emanuele Scuotto è la narrazione di una vita, di una città, dell’una intrecciata nell’altra.

Percorrere i sentieri battuti da un artista è come esplorare un territorio sconosciuto: occorrono punti di riferimento per orientarsi lungo il percorso, luoghi simbolici dove soffermarsi, racconti per conoscerlo a fondo.

Un Cristo che pare scomparire nella parete bianca che lo sta inghiottendo, quasi a volersi nascondere davanti all’ennesima tragedia dell’uomo contro l’uomo; un San Gennaro che alza lo sguardo al cielo perché stanco di guardare in basso, tra le solite miserie, ma anche una santa della Luce, ritratta in atteggiamento fiero e combattivo, quindi carico di speranza. Perché il bene e il male nascono dalla stessa materia e, banalmente, sta a noi scegliere se innalzarci con forza o sprofondare negli abissi più cupi, quelli che ci scaviamo dentro. E poi il mistero, sfuggente e sensuale, di una donna velata. E un’altra donna ancora, amata da sempre e per sempre, violata dal dolore e dalla sofferenza che, attraverso la sua indomita forza, si trasformano in un’arma contro il male, uno scudo d’oro con cui proteggersi e combattere con coraggio, e vivere, e gioire.

Questi sono i luoghi che ci accompagnano in questo tratto del percorso artistico e umano di Emanuele Scuotto.

Terra mia: la terra è Napoli, la sua terra e la sua prima fonte di ispirazione, ma è anche la terracotta, il suo tramite per raccontare e raccontarsi. Egli modella le sue parole nell’argilla e intreccia storie di oggi con simboli e personaggi che vengono da lontano, da un passato ricchissimo che è la materia con cui lavora ogni giorno. Plasma tradizione e contemporaneità ispirandosi all’arte popolare – un’arte senza inganno né trucco, sosteneva Mirò-  come alla musica di Pino Daniele (impossibile non notarne l’omaggio nella scelta del titolo della mostra), guarda all’arte barocca come ad artisti contemporanei, tra cui Nicola Samorì e Matteo Pugliese. Tanti filtri attraverso cui guardare il mondo di oggi e restituircelo sublimato da mani capaci e sguardo attento, carico di domande più che di risposte, forte di quell’urgenza tipica di chi osserva e rielabora, ricerca e trasforma, incessantemente.

È un talento magmatico, quello di Emanuele: in continuo movimento, in apparenza calmo ma dalla forza dirompente, che lascia il segno.

Crocifisso

(…continua in Terra mia, di Emanuele Scuotto. Le opere)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.